Le leggi anti-LGBT+ impediscono alle aziende di inviare personale all'estero per lavoro

Le leggi anti-LGBT+ impediscono alle aziende di inviare personale all’estero per lavoro

I professionisti LGBT+ sono desiderosi di lavorare all’estero, ma le leggi e la cultura discriminatorie sono la ragione principale per rifiutare incarichi all’estero.

Il 69% dei professionisti LGBT+ ha citato leggi discriminatorie relative alle persone LGBT+ come motivo per rifiutare un potenziale incarico internazionale. Questo è davanti ad altre preoccupazioni pratiche come l’assistenza sanitaria e l’assicurazione.

È quanto emerge da un nuovo rapporto del consorzio aziendale Open For Business che promuove l’inclusione LGBT+ in società per lo più multinazionali.

Nel frattempo, la ricerca ha scoperto che il personale LGBT+ che accetta di lavorare all’estero vuole “conoscenza locale” sulle sfide che dovrà affrontare.

Tuttavia, nel 90% dei casi, i datori di lavoro non hanno fornito loro informazioni su leggi e cultura relative alla loro sessualità o identità di genere.

Kathryn Dovey, direttore esecutivo di Open For Business, ha dichiarato:

“Gli ultimi anni hanno visto un aumento dell’antagonismo nei confronti delle persone LGBT+ in alcune parti del mondo, che hanno subito discriminazioni per mano di politici e legislatori.

“La pandemia globale ha solo esacerbato questa situazione.

“Tutto ciò porta a vere sfide per i professionisti LGBT+ che lavorano e viaggiano all’estero, che spesso si sentono incapaci di essere aperti sulla propria sessualità o identità di genere.

“Questo nuovo rapporto si aggiunge alla crescente base di prove che l’inclusione LGBT+ è una proposta vantaggiosa per le imprese, l’economia e la società”.

Ulteriori barriere

Inoltre, il rapporto “Working Globally: Why LGBT+ Inclusion is Key to Competitiveness” rileva che i professionisti LGBT+ sono molto disposti a lavorare all’estero, quando non sono frenati da leggi o culture odiose.

Oltre il 70% degli intervistati è disposto a viaggiare per incarichi a breve termine, incarichi di pendolari o viaggi di lavoro e oltre il 50% è disposto a viaggiare per un incarico a lungo termine.

Ciò rende il personale LGBT+ estremamente prezioso per molti datori di lavoro che faticano a trovare lavoratori per lavorare all’estero.

Justin D’Agostino, amministratore delegato dello studio legale Herbert Smith Freehills, ha dichiarato:

“Come amministratore delegato gay e fuori che vive a Hong Kong, conosco fin troppo bene le ulteriori barriere che LGBT+ deve affrontare quando si lavora a livello internazionale.

“La mobilità può essere entusiasmante e scoraggiante in egual misura e i datori di lavoro devono garantire che i dipendenti LGBT+ possano vivere, lavorare e viaggiare sentendosi supportati e con lo stesso senso di appartenenza, ovunque si trovino.

“Mentre le imprese, le città e i paesi pianificano la loro ripresa dalla pandemia, è più importante che mai lavorare per rimuovere le barriere e promuovere l’inclusione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.