I leader religiosi di 35 paesi chiedono che il sesso gay sia reso legale e vieti la "terapia di conversione"

I leader religiosi di 35 paesi chiedono che il sesso gay sia reso legale e vieti la “terapia di conversione”

I leader religiosi tra cui l’arcivescovo Desmond Tutu e il vescovo di Liverpool del Regno Unito hanno chiesto ai governi di rendere legale il sesso gay e vietare la “terapia di conversione”.

Le richieste di oltre 400 leader religiosi di 35 paesi sono accompagnate dall’ammissione che gli insegnamenti religiosi hanno deluso le persone LGBT+.

Al momento almeno 69 nazioni criminalizzano ancora l’omosessualità, alcune con la pena di morte. Nel frattempo, solo cinque paesi hanno vietato la “terapia di conversione”, i pericolosi e inutili tentativi di “curare” le persone LGBT+.

La dichiarazione congiunta, lanciata oggi, afferma: “Riconosciamo con tristezza che certi insegnamenti religiosi hanno spesso, nel corso dei secoli, causato e continuano a causare profondo dolore e offesa a coloro che sono lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersessuali.

“Riconosciamo, con profondo rammarico, che alcuni dei nostri insegnamenti hanno creato, e continuano a creare, sistemi oppressivi che alimentano l’intolleranza, perpetuano l’ingiustizia e sfociano nella violenza.

“Questo ha portato, e continua a portare, al rifiuto e all’alienazione di molti da parte delle loro famiglie, dei loro gruppi religiosi e delle comunità culturali.

‘Chiediamo perdono a coloro la cui vita.’

La comunità musulmana è pronta per questo dialogo

La dichiarazione non si limita a sostenere in modo specifico la piena uguaglianza su questioni come il matrimonio tra persone dello stesso sesso, che molte religioni considerano controverse.

Tuttavia, richiede “giustizia” e la fine della criminalizzazione:

“Chiediamo a tutte le nazioni di porre fine alla criminalizzazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere, affinché la violenza contro le persone LGBT+ sia condannata e sia fatta giustizia per loro conto.

“Chiediamo che tutti i tentativi di cambiare, sopprimere o cancellare l’orientamento sessuale, l’identità di genere o l’espressione di genere di una persona – comunemente nota come “terapia di conversione” – cessino e che queste pratiche dannose siano vietate.’

La dichiarazione congiunta continua chiedendo “la fine della perpetuazione del pregiudizio e dello stigma”

I firmatari includono l’ex presidente irlandese, l’ex presidente irlandese Mary McAleese, un importante eroe cattolico romano e anti-apartheid, l’arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, l’arcivescovo del Canada Linda Nicholls e il vescovo del Regno Unito di Liverpool Paul Bayes.

In totale, secondo gli organizzatori, hanno firmato nove arcivescovi, 51 vescovi e 16 decani di tutta la Comunione anglicana, 65 rabbini e vari leader religiosi delle religioni sikh, musulmana, buddista e indù.

Uno di loro, il rabbino Laura Janner-Klausner, ex rabbino anziano dell’ebraismo riformato, ha ammesso alla Thomson Reuters Foundation che “le nostre religioni … hanno ancora molto di cui siamo colpevoli”.

Nel frattempo l’Imam Muhsin Hendricks, fondatore della Moschea Masjidul Ghurbaah a Città del Capo, in Sudafrica, una delle poche moschee al mondo comprensive di LGBT, ha dichiarato: “Penso che la comunità musulmana sia pronta per questa conversazione”.

L’organizzazione benefica della Fondazione Ozanne ha organizzato oggi l’iniziativa per celebrare il lancio della Global Interfaith Commission on LGBT+ Lives.

Il governo del Regno Unito sta sponsorizzando la conferenza virtuale che accompagna il lancio, nonostante il paese non abbia ancora vietato la “terapia di conversione”, avendo promesso di farlo per diversi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.