5 club gay da visitare

5 club gay da visitare

La pianificazione dei viaggi è quasi un lavoro a tempo pieno, che alcuni di noi (come Seby!) amano, mentre altri (come Stefan!) lo vedono come una fonte di costante agonia e ansia e pagherebbero volentieri qualcuno che lo faccia per loro…

Qualunque sia la categoria in cui rientri, abbiamo tutto ciò di cui hai bisogno per darti gli strumenti per semplificare ed elevare la tua pianificazione del viaggio per la tua prossima vacanza gay, dai consigli ai migliori tour operator gay, agli strumenti di pianificazione online più efficaci.

Nel corso degli anni, abbiamo davvero perfezionato il nostro processo di pianificazione del viaggio e condividiamo tutto qui con te i 5 club gay da visitare.

Gay heavenma Londra, Regno Unito

Quando moriremo, speriamo che il Paradiso assomigli esattamente a questo posto (ammesso, ovviamente, che ci entriamo anche…)!

Il paradiso ha cambiato il gioco sulla scena della vita notturna queer del Regno Unito. Fin dal suo inizio, è stato grande, rumoroso e impenitente. Fondato per rivaleggiare con gli epici club di New York, Heaven ha portato le feste gay nel mainstream.

G-A-Y è entrato nell’equazione alla fine degli anni 2000. Ha aperto bottega nel famoso locale, che da anni si svolgeva ad Astoria, ed è stato un match made in…beh, il paradiso!

Conosciuto per la sua musica fantastica, le drag queen dalla lingua di fuoco e i famosi artisti ospiti, una notte all’Heaven è una di quelle che non dimenticherai mai, non importa quanto bevi. Oh, e quando diciamo “famosi artisti ospiti”, non siamo generosi. Intendiamo FAM-OUS! Pensa a star come Adele, Madonna, Mel C, Lily Allen, Lady Gaga, Grace Jones, Cher, Girls Aloud… davvero, l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Le esibizioni dal vivo tendono ad accadere di sabato: aspettati che venga assegnato il biglietto e attiri centinaia di persone.

Altrimenti, qualsiasi altra sera della settimana è favolosa, come Camp Attack Fridays, dove vengono suonate solo canzoni pop scadenti e classici gay. I giovedì sera sono i più rumorosi, con gare EMOZIONANTI (!!) in cui il vincitore può racimolare £ 250 a seconda di quanto è disposto a togliersi i vestiti… Il bonus, questo gigantesco club gay si trova in un posto che valutiamo come uno dei paesi più gay friendly al mondo.

The Manor a Fort Lauderdale, Florida, USA

Quando stavamo scoprendo la scena gay di Fort Lauderdale, una delle città più gay-friendly al mondo, abbiamo sentito parlare di un posto chiamato… The Manor.

Per come ne hanno parlato i ragazzi, pensavamo che fosse la casa di un super ricco americano dell’alta società. Si scopre che è solo una discoteca rumorosa e turbolenta nel quartiere gay di Wilton Manors.

Il posto ha un aspetto così sofisticato che ci siamo sentiti come una delle vere casalinghe non appena abbiamo varcato la porta. Con soffitti alti, finestre ad arco, lampadari di cristallo e clientela di classe, non c’è da meravigliarsi se le persone vanno lì per vivere la loro fantasia da ricco. Abbiamo anche visto qualcuno che indossava una collana di perle… e no, non quel tipo di collana di perle!

Il Manor funge anche da ristorante e lounge, così puoi goderti un pasto di classe, prima di andare nell’area del club per un ballo. Ha un mix sublime di successi da diva e alcuni buoni classici degli anni ’80. Inoltre, ospita regolarmente serate a tema moda, oltre a spettacoli teatrali di artisti drag e artisti circensi. Tutto intorno, una notte favolosa.

Churros con Chocolate a Madrid, Spagna

Adoriamo tutto di questo posto, specialmente il nome. Chi ha deciso di intitolare un locale a un dessert dolce e salato merita una promozione. E sì, prima che tu lo chieda, distribuiscono churros e cioccolato – altrimenti avremmo tirato una diva strop…

Organizzano eventi mensili sia a Madrid che a Barcellona gay, ma siamo particolarmente ossessionati da quello di Madrid. Principalmente perché le persone tendono a dare il 100% quando si tratta di feste in maschera ed eventi a tema. È come una convention di drag race/cosplay/Halloween ogni mese!

All’interno, c’è un incredibile sistema audio, decorazioni dai colori vivaci e un design di illuminazione maestoso. Gli spettacoli, con regine locali e cantanti epici, sono sempre affascinanti, con i promotori che fanno di tutto per rendere indimenticabile la tua serata gay.

Hanno tirato fuori alcuni pezzi forti per i loro spettacoli principali, come la band di ragazze messicane JNS, i potenti DJ Eva A e Xavi B e il gruppo pop sperimentale, King Africa. Diciamo solo che sanno come intrattenere. Il club è abbastanza grande da ospitare 1.500 persone, tutte pronte a ballare a squarciagola i classici degli anni ’80, gli inni gay e i preferiti dell’EDM.

The EndUp a San Francisco, California, USA

È stato un punto fermo della scena della vita notturna gay di San Franciscan dai primi anni ’70 e non mostra segni di arresto.

The EndUp era famoso nei suoi primi giorni come una scandalosa serata gay; il tipo di reputazione che aveva la gente conservatrice che tremava mentre camminava vicino alla porta (oh, come vorremmo poter tornare indietro nel tempo). Era noto per organizzare feste di biancheria intima, serate travestite e balli esotici. Abbastanza addomesticato, dici? Ma allora, ha causato un bel putiferio!

Oggi è ancora un popolare locale LGBTQ, con dj set e serate a tema, ma si rivolge a una clientela più ampia. All’interno troverai due bar interni, un bar all’aperto e uno stand gastronomico. La pista da ballo ha un’illuminazione intensa e un incredibile sistema audio, perfetto per un boogie.

Inoltre: Ehi Porkchop! L’alunna di Drag Race, Victoria “Porkchop” Parker, è nota per essersi fermata all’EndUp molte volte nel corso degli anni. Chi sapeva che la prima regina ad essere mai eliminata dal reality show di successo sarebbe diventata così iconica? E, ragazza, ha messo su un dj set infernale!

La Demence al Fuse Club di Bruxelles, Belgio

La Demence attira un’enorme folla internazionale, con persone provenienti da tutta Europa e oltre, che volano per celebrare questo focoso evento gay. La parte migliore è che La Demence non ha un’identità fissa. Di solito, con i club gay, sono o pop, fєtish, grunge o house oriented. Questo è tutto e niente allo stesso tempo.

Significa che tutte le persone che si presentano sembrano completamente diverse l’una dall’altra. Abbiamo individuato folk androgino, papà in pelle, cosplayer, tink e artisti drag – e questo era solo in coda per entrare!

La Demence ha alcuni DJ incredibili che suonano lì, da Andrei Stan a Ben Mason, da Jon Doe a Sebastien Triumph. Si svolge nel The Fuse Club, un edificio di tre piani, con varie stanze di diversi stili musicali, oltre a un nascondiglio segreto per alcuni…. *ehm* certi tipi di ballo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.